Vaccino contro l’influenza A/H1N1 e narcolessia

Nei bambini e negli adolescenti di età compresa tra i 4 ed i 19 anni cui è stato iniettato il vaccino GlaxoSmithKline contro l’influenza pandemica H1N1 (Pandemrix) è stato riscontrato un rischio nove volte maggiore di sviluppare la narcolessia (disturbo neurologico del sonno) negli 8 mesi successivi alla vaccinazione rispetto a quelli della stessa fascia d’età non vaccinati.

Ad affermarlo è il National Institute of Health and Welfare della Finlandia il quale riferisce che al momento la spiegazione più plausibile è che l’aumento dei casi di narcolessia sia da attribuire all’effetto congiunto del vaccino e qualche altro fattore.

Le autorità sanitarie finlandesi ritengono che l’associazione tra la vaccinazione con Pandemrix e la narcolessia è così evidente che è improbabile che altri cosiddetti fattori di confondimento possano spiegare completamente il fenomeno.

Come attestato dai dati provenienti dagli ospedali e dalla revisione delle singole cartelle cliniche dei pazienti da parte di un gruppo di neurologi e ricercatori del sonno, in Finlandia tra il 2009 ed il 2010 60 bambini e adolescenti di età compresa tra 4-19 anni si sono ammalati di narcolessia. Di questi ammalati, 52 (quasi il 90 per cento) avevano ricevuto il vaccino Pandemrix ®.

Sulla base delle analisi preliminari, il rischio di ammalarsi con narcolessia per i soggetti vaccinati tra i 4 ed i 19 anni è di 9 volte superiore rispetto a quelli non vaccinati nella stessa fascia di età. Questo aumento è più pronunciato tra i 5-15 anni di età. Nessun caso è stato osservato tra coloro sotto i 4 anni di età. Inoltre, nessun aumento dei casi di narcolessia o altre conseguenze della vaccinazione sono stati riscontrati tra i soggetti sopra i 19 anni di età.

Un aumento dei casi  di narcolessia è stata osservato, oltre che in Finlandia, anche in Svezia e Islanda.

Il National Institute of Health and Welfare ritiene che siano necessarie ulteriori indagini per chiarire la relazione tra il vaccino Pandermix ed i casi di narcolessia. Una relazione finale della  National Narcolepsy Task Force sarà rilasciata entro il 31 agosto 2011.

Il Pandemrix è stato usato in 38 Paesi nella stagione 2009/2010. L’Organizzione mondiale della sanità ha distribuito circa 36 milioni di dosi di Pandemrix a 18 Paesi (Armenia, Azerbaidjan, Bangladesh, Bolivia, Burkina Faso, Cuba, Corea del Nord, El Salvador, Etiopia, Ghana, Guinea, Monglolia, Namibia, Filippine, Ruanda, Senegal, Tagikistan, Togo).

Per saperne di più vi consigliamo la lettura di L’Influenza Suina A/H1N1 e i pericoli della Vaccinazione Antinfluenzale

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione