Vaccini sperimentati su bambini poveri: in Argentina muoiono 14 neonati

Un tribunale argentino ha condannato l’azienda farmaceutica Glaxo Smith Kline (GSK) e a due suoi medici a pagare un risarcimento di 180mila euro per la sperimentazione di vaccini su dei neonati di famiglie povere. I test sono costati la vita a 14 piccoli. Gli esperimenti sono stati effettuati tra il 2007 ed il 2008 in tre città del nord ovest del Paese.

La multinazionale americana aveva contattato alcune famiglie molto povere per proporre la sperimentazione di due vaccini sui loro neonati. I due composti sarebbero serviti per contrastare la polmonite acquisita e l’otite acuta. Nei mesi successivi alla sperimentazione 14 neonati sono morti.

Il laboratorio ed i due medici hanno opposto ricorso ad una prima sanzione. Oggi, tuttavia, il giudice Marcelo Aguinsky l’ha confermata ribadendo le indagini del Dipartimento nazionale su medicine, alimenti e tecnologie mediche (Anmat) secondo cui gli esperimenti sono stati effettuati con numerose irregolarità.

La GlaxoSmithKline ha reso noto in un comunicato che farà appello anche per questa sentenza in quanto le famiglie coinvolte “erano a conoscenza degli esperimenti come prevede la legge” e che, tra Argentina, Panama e Colombia, ne sono stati già realizzati per lo stesso scopo “circa 14.000”.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su