Vaccini obbligatori: il Veneto chiede la sospensiva

La Regione Veneto impugna per la seconda volta la legge sull’obbligo vaccinale. Dopo aver impugnato il decreto Lorenzin alla Corte Costituzionale, la Regione farà ora ricorso contro la legge di conversione dello stesso, come ha annunciato il governatore Luca Zaia.

In particolare il Veneto chiederà la sospensiva dell’obbligo, per gli studenti da 0 a 16 anni, di somministrare 10 vaccini (antipoliomelitica, antidifterica, antitetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella).

“L’obbligo è lesivo della normativa regionaleha spiegato  l’avvocato che curerà il ricorso Luca Antonini, ordinario di Diritto costituzionale all’Università di Padova ed esperto di ricorsi in materia di Sanità– si giustifica solo quando c’è un interesse della collettivitàda tutelare che non può essere tutelato in altro modo. Non lo ravviso in relazione alla situazione del Veneto che ha una copertura vaccinale del 90% abbondantemente sopra la soglia minima stabilita dall’Oms dell’85%”.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su