Scandalo vaccini in Cina: centinaia di funzionari licenziati

Secondo quanto deciso dalle autorità di Pechino 357 funzionari saranno licenziati o demansionati per il loro coinvolgimento nella vendita illegale di vaccini, conservati o trasportati in modo improprio.

Già 202 persone, ricorda l’agenzia di stampa  Xinhua, sono state arrestate in tutto il Paese per lo scandalo risalente al 2011 e nel quale sono coinvolte anche tre società farmaceutiche. I vaccini erano stati venduti illegalmente, per un valore di oltre 570 milioni di yuan, poco meno di 80 milioni di euro, in venti province.

Le nuove norme vietano ora ai venditori all’ingrosso di trattare i vaccini che da adesso saranno tracciabili dalla produzione all’uso finale seguendo norme dedicate su refrigerazione e trasporto.

Lo scandalo è emerso a marzo quando la Food and Drug Administration, l’autorità di vigilanza sul settore, ha scoperto che nove compagnie stavano rivendendo vaccini impropriamente conservati o scaduti.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su