Legame tra vaccini e autismo: ribaltata la sentenza di Rimini

Non esiste nessun nesso causale tra il vaccino trivalente e l’autismo. È quanto ha stabilito la corte di appello di Bologna che ribaltato la sentenza del giudice del Lavoro di Rimini del 2012 che aveva riconosciuto il risarcimento alla famiglia di un bambino che nel 2002 aveva ricevuto la vaccinazione Mpr e a cui poi era stata diagnosticata una forma di autismo.

Secondo i giudici di appello non esistono evidenze scientifiche per stabilire che il vaccino provochi la sindrome, ma c’è solo un collegamento temporale, nel senso che l’iniezione che previene morbillo, parotite e rosolia arriva prima della diagnosi di autismo tra i 3 e i 6 anni.

Il giudizio di secondo grado, con sentenza del 13 febbraio, è scattato per appello del ministero della Sanità, condannato a Rimini a pagare i danni da vaccino (stimati intorno ai 200mila euro). In primo grado era stato stabilito che in assenza di altre cause evidenti la malattia non poteva che essere dovuta al vaccino. Il consulente tecnico d’ufficio, nominato dalla Corte ha invece smontato questa tesi.

L’avvocato dei genitori del bambino, Luca Ventaloro, annuncia ricorso in Cassazione: “il consulente della Corte ha fatto un approfondimento parziale, non collegato ai più recenti studi. Ricorreremo in Cassazione”.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su