I vaccini causano l’autismo? I dubbi di Trump e Kennedy

“Il presidente eletto è turbato dai dubbi sui legami tra alcuni vaccini e l’insorgenza di disturbi dello sviluppo neurologico, tra cui l’autismo. Mi ha riferito di aver parlato con cinque amici che condividono la stessa vicenda familiare: un figlio perfettamente sano che nei tre mesi successivi alla vaccinazione ha sviluppato deficit”.

È quanto riferisce in un’intervista Robert F. Kennedy Jr. – figlio di Bob e nipote del presidente assassinato –  l’uomo scelto, secondo una notizia di qualche settimana fa, da Donald Trump per guidare la commissione che il nuovo presidente intende creare per “indagare sulla sicurezza” dei vaccini

Secondo quanto riferito da Kennedy – che negli ultimi tempi si è concentrato sulla questione dei vaccini per indagare in particolare il loro eventuale legame con l’autismo – il nuovo presidente Usa intende creare una commissione formata da una dozzina di persone tra scienziati e americani di primo piano. Si starebbero individuando, nello specifico, persone che hanno esperienza in tossicologia, epidemiologia e nella sanità pubblica.

“Io sono per i vaccini – continua Kennedy – Sono stato impegnato nel monitoraggio del mercurio nel pesce per 30 anni e nessuno mi ha definito ‘anti-fish’. Io sono pro-vaccini. Tutti i miei bambini sono stati vaccinati e credo che i vaccini salvino vite umane. Tuttavia stiamo anche assistendo ad un’esplosione di disturbi dello sviluppo neurologico e dovremmo essere in grado di fare una analisi costi-benefici e vedere che cosa li sta causando. Dovremmo avere una scienza trasparente ed un’agenzia di regolamentazione indipendente. Nessuno qui sta cercando di sbarazzarsi dei vaccini. Voglio solo vaccini sicuri”.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su