Salvini. “In Italia troppi vaccini. Un favore alle case farmeceutiche?”

Il numero di vaccini obbligatori in Italia è troppo alto. È quanto ha affermato il vicepremier e Ministro dell’Interno durante la trasmissione Nemo-Nessuno escluso.

“Sui vaccini – ha affermato – penso che sia responsabilità dei genitori decidere cosa è bene e cosa no. In Svizzera, che è un Paese civile, non esiste alcun obbligo ma la popolazione è informata”.

“In Italia è stato fatto un errore – ha aggiunto – si è passati da poche vaccinazioni ad un numero che non esiste da nessun’altra parte. Il dubbio che qualcuno abbia fatto un favore alle case farmaceutiche viene, ma io nel dubbio ho comunque vaccinato i miei figli. Su alcune malattie il vaccino c’è e ci deve essere, per altre penso ci debba essere libertà di scelta dei genitori. L’eccesso– conclude- secondo me non funziona mai”.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su