[SENTENZA] Riconoscimento del nesso causale fra vaccinazioni pediatriche e diabete

Giusto riconoscimento da parte del Tribunale di Rieti (pronunciamento del Giudice del Lavoro, Valentina Cacace) ai sensi della Legge 210/92 per una bambina che si è ammalata di diabete nel 2002 e, da allora, è insulino dipendente, dopo un ciclo vaccinale pressoché completo (ai sensi del calendario vaccinale approvato dal Ministero della Salute) fra vaccinazioni obbligatorie e facoltative.

Il tribunale di Rieti, ha accolto il ricorso di due avvocati (Quirino Grillo di Rieti e Luca Ventaloro di Rimini), accertando l’esistenza del un nesso di causalità tra le vaccinazioni e il diabete contratto dalla minore. Chiamati a rispondere il Ministero della Salute, mentre viene accertato il difetto di legittimazione passiva per la Regione Lazio e l’AUSL di Rieti.

Ministero, Regione e AUSL si erano costituite in giudizio contestando la propria legittimazione passiva, la competenza per territorio, il difetto di legittimazione attiva e la stessa fondatezza della domanda per assenza di nesso causale.

Interessante il pronunciamento in merito alla competenza dello stato (Ministero) nell’indennizzo: il trasferimento dallo stato alle regioni dei fondi e di alcune attività amministrative in attuazione del D.Lgs. n. 112 del 1998, che prevedeva il trasferimento in via generale della materia sanitaria, NON comporta il passaggio da stato a regioni della legittimazione delle controversie sanitarie.

Vale ugualmente la sussistenza del nesso di causalità, basato sul criterio della possibilità scientifica, sul criterio cronologico e sulla esclusione di altre cause. Ricordiamo che il CTP della famiglia è il dott. Dario Miedico.

[Leggi in allegato la sentenza]

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su