“Caro ministro, i danneggiati da vaccino esistono. Ecco chi sono”

“Caro ministro, i danneggiati da vaccino esistono ed ecco i nomi”. E’ quanto Nadia Gatti, presidente del Condav, scrive nella lettera che ha indirizzato al ministro della Salute Giulia Grillo in merito alle sue recenti dichiarazioni pubbliche. Nadia Gatti è presidente del Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino, che da quasi vent’anni sostiene e tutela le famiglie dei danneggiati da vaccino, e madre lei stessa di una ragazza che da piccola ha riportato un danno permanente da vaccino antipolio.

Ecco di seguito il testo della lettera:

“Gentile Ministro della Salute, Giulia Grillo, le scrivo in qualità di presidente del Condav – Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino – in merito alla risposta da Lei data ad una giovane mamma il 30 gennaio scorso a Chieti, che passo a trascriverLe integralmente.

Lei le ha detto questo: «Io signora conosco bambini morti per il morbillo, bambini morti con il vaccino non li conosco. Lei ne conosce? No. Allora non fate questa disinformazione perché la gente muore per il morbillo, la gente muore per la meningite, non muore per il vaccino, su questa cosa non transigo». Queste le sue parole. Pur comprendendo la Sua posizione di Ministro della Salute del nostro Paese, nonché di medico, sono qui a rappresentarLe con forza che, purtroppo, i «danneggiati e, in particolare, i deceduti a causa di vaccinazioni» esistono e, pur costituendo una realtà limitata nel panorama vaccinale, rappresentano una «dolorosa ma reale e concreta parte umana della nostra società», la cui esistenza non può e non deve essere smentita o relegata nell’oblio.

Il Condav non ha mai assunto una posizione netta e contraria alle vaccinazioni ma, nel contempo, pretende ed esige rispetto per questa categoria di persone e per le loro famiglie, per cui negare la loro esistenza è per noi inaccettabile.

Ogni anno il Condav celebra la Giornata Nazionale in Ricordo delle Persone decedute o rese disabili dai vaccini: si tratta di un elenco di bambini, ragazzi e adulti che, dopo lunghe sofferenze, hanno lasciato i loro cari e a questo elenco, ogni anno si aggiunge un nuovo nome.

Ecco la nuova lista:
M. T.  – 6 anni – Veneto

A. T. – fratello di M. 4 anni – Veneto;

D. D. P. – 9 anni – Abruzzo;

E. N. – 7 anni – Abruzzo

E. N – fratello di E. 3 anni – Abruzzo

M. S. – 22 mesi – Veneto;

F. Z. – 9 mesi – Veneto;

I. R. – 7 mesi – Sicilia;

C. M. – 33 anni – Puglia;

M. C. – 11 anni – Emilia Romagna;

E. R. – 16 mesi – Veneto;

P. G. – 37 anni – Lombardia;

V. M. – 14 anni – Lazio;

C. C. – 35 anni – Abruzzo;

C. I. – 36 anni – Veneto;

S. M. – 34 anni – Abruzzo;

G.D.P. – 36 anni – Toscana;

G. V. – 11 anni – Emilia Romagna;

V. D.P. – 6 anni – Campania;

M. O. – 38 anni – Toscana;

G. A. – 35 anni – Lombardia;

A. D. – 37 anni – Lombardia.

Nei confronti di queste persone e delle loro famiglie è d’obbligo essere corretti e rispettosi evitando di continuare a parlare di «inesistenza», sia perché è lo Stato stesso a prevedere in astratto le ipotesi che possano verificarsi gravi danni da vaccino (compreso il decesso), attraverso le normative a Lei note, sia perché in tutti i casi sopra citati, i danni sono stati riconosciuti in seguito ad un rigoroso iter medico-legale e sulla scorta di certificazioni rilasciate da strutture sanitarie pubbliche che hanno attestato caso per caso la correlazione tra vaccino e decesso e laddove si è fatto ricorso a giudizi, questi si sono conclusi con sentenze passate in giudicato. Dunque, parliamo di persone riconosciute e indennizzate dallo Stato italiano.

Torno a ripeterLe, On.le Ministro, che comprendo la Sua posizione ma, nel contempo, Le chiedo formalmente un colloquio urgente in primis per il piacere di incontrarLa e, nell’occasione, per testimoniarLe come Presidente Condav alcune esperienze dei nostri danneggiati riconosciuti. Nella certezza di un positivo riscontro, porgo i più ossequiosi e distinti saluti.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su