Meningite: ai medici di Firenze bonus per i vaccini

La Regione Toscana ha chiuso un accordo per incentivare la campagna vaccinale contro il meningococco nell’area fiorentina: soldi ai medici che vaccineranno di più, mettendo in campo le cosiddette Aft, ovvero le aggregazioni di medici di famiglia.

Le punture verranno fatte anche dai dottori della guardia medica e per questa attività saranno attivate ore aggiuntive, 10 a settimana. I medici in cambio riceveranno i soliti 6 euro e spiccioli per ogni iniezione ma anche un premio una tantum in base agli obiettivi raggiunti.

Si tratta di 400 euro se tra i loro assistiti vaccineranno fino al 75% dei giovani tra gli 11 e i 20 anni e di 600 se si sale sopra quella percentuale. Un meccanismo simile è previsto per gli over 20: partendo dal 50% della soglia di copertura, ma le cifre devono essere ancora stabilite con precisione. I professionisti alla fine dovrebbero intascare un migliaio di euro.

I medici, in base all’accordo, sono tenuti a vaccinare: ciò in futuro potrebbe voler comportare procedimenti disciplinari da parte della Asl per chi si rifiuta di partecipare alla campagna. Anche l’Ordine dei medici alcuni giorni fa aveva preso una posizione simile, alla quale ha fatto seguito un aumento delle adesioni che dal 45% sono salite al 65%, con 402 adesioni su un totale di 600 professionisti.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su