Indennità per danni da vaccini e trasfusioni: in arrivo in Veneto

Quasi 14 milioni e mezzo di euro di arretrati di indennizzi per i cittadini veneti che hanno subito danni da vaccini, trasfusioni ed emoderivati sono stati pagati dalla Regione nel corso del 2016.

L’ultima tranche, pari a poco più di 2 milioni 200 mila euro, sta arrivando proprio in questi giorni ai 1.081 veneti affetti da complicanze irreversibili a causa di vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazione di emoderivati, così come previsto dalla legge 210 del 1992.

L’azienda Usl 16 di Padova è stata delegata a tale attività di pagamento dalla Regione, che ha anticipato la cifra necessaria all’indennizzo non ancora giunta dal ministero della Salute.

Complessivamente, quindi, sono stati liquidati indennizzi pari a circa il 90% degli arretrati dovuti. In base alle indicazioni regionali, entro il 2017 seguirà il pagamento dell’ultima tranche.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su