Bimba si ammala per il vaccino ma lo Stato non paga

Viene riconosciuta la correlazione tra la somministrazione del vaccino e l’insorgenza della patologia e quindi previsto un indennizzo ma questo, di fatto, non arriva mai. Non è purtroppo un caso isolato quello denunciato dalla madre biellese che denuncia: “Lo Stato ci ha abbandonati”.

Tutto inizia nel 2009 quando la figlia di 9 mesi viene sottoposta alle vaccinazioni obbligatorie. In seguito alla somministrazione la piccola inizia ad accusare dei problemi di salute e le viene diagnosticata la piastrinopenia autoimmune, una patologia che fa crollare il livello di piastrine nel sangue, esponendo chi ne soffre al rischio di emorragie molto pericolose. La casistica di questo “effetto collaterale” è di un bimbo su 30mila.

Nel 2014 il tribunale stabilisce un nesso di causalità condannando il ministero della Salute a risarcire la famiglia e a erogare un vitalizio alla bambina. Eppure fino a questo momento non è stato versato neanche un centesimo degli oltre 200mila euro che lo Stato deve alla famiglia, tra risarcimento, arretrati e interessi.

“Siamo ancora al punto di partenza – dice la madre – nonostante siano passati oltre quattro anni dalla sentenza. Dal ministero non si fanno sentire, non si degnano nemmeno di rispondere al telefono. Continuo a sperare e nel frattempo affronto la malattia di mia figlia e tutti i sacrifici economici, e non solo, che essa comporta. L’ultimo ricovero risale al 29 dicembre. All’ospedale di Biella le hanno somministrato la terapie seguendo le direttive del centro specializzato di Torino che se ne occupa. Queste sono state le nostre feste di Natale. Questa è la nostra vita. La piastrinopenia non consente di fare programmi: la bambina può stare bene per mesi, oppure avere un nuovo crollo delle piastrine dopo due settimane”.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su