Autismo: diagnosi solo per 1 bambino su 2

L’autismo colpisce un bambino su cento, anche se la diagnosi arriva solo per la metà di loro. Fra tutti i casi individuati, poi, solo un terzo è trattato con la terapia adeguata. In Italia sono colpite tra le 300 e le 500 mila persone.

Sono questi alcuni dei dati diffusi dalla Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Sinpia, in occasione della Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo, che si è celebrata ieri.

“I bambini che soffrono di autismo – spiega la Sinpia – hanno, spesso, anche altri disturbi quali la disabilità intellettiva e-o sindromi genetiche o rare, determinando quadri funzionali anche molto diversi tra loro. Si tratta di condizioni che perdurano tutta la vita, e che possono determinare un peso significativo sulle famiglie al cui interno vi è una persona affetta”.

I nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) per la prima volta hanno incluso in modo specifico i disturbi dello spettro autistico. Va dunque ora stabilito a livello istituzionale che tipo di risposte si vogliono dare davvero agli utenti e alle famiglie. “Il vero problema, infatti, per cui i LEA restano lettera morta – sottolinea la Sinpia – non è il mancato aggiornamento delle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità, ma la mancanza delle condizioni che permettono l’effettiva erogabilità di interventi appropriati: personale sufficiente, in servizi con organizzazione adeguata e omogenea, che garantiscano la formazione permanente degli operatori sulle più recenti evidenze”.

Tra le criticità Sinpia evidenzia in particolare la transizione verso l’età adulta. Oltre il 90% delle persone con autismo non ha mai lavorato e vive prevalentemente con i genitori.

Sebbene fino a questo momento la medicina ufficiale consideri l’autismo senza cura, esistono alcune testimonianze di guarigione da questo disturbo. Proprio qualche giorno fa abbiamo pubblicato l’intervista a Senta Depuyd, una mamma belga che grazie alla sua determinazione è riuscita a far perdere completamente la diagnosi di autismo al suo bambino.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su