Appendino: “Non mando i vigili a impedire l’accesso dei bambini non vaccinati a scuola”

Prima vengono i bambini ed il loro diritto a non interrompere il percorso educativo a due mesi dalla fine dell’anno. È quanto sostiene la sindaca di Torino Chiara Appendino che, al termine di una conferenza, ha dichiarato la sua intenzione di non voler schierare i vigili urbani fuori dalle scuole per impedire l’ingresso dei bambini non vaccinati. “Non mando i vigili a impedire l’accesso dei bambini a scuola”, ha dichiarato la sindaca.

Tra i frequentanti i servizi educativi comunali, risultano oggi – su 11334 bambini – 245 inadempienti che, secondo le indicazioni ministeriali, dovrebbero essere allontanati.

“È folle allontanare i bambini dai servizi e a questo punto dell’anno scolastico – aggiunge Federica Patti, assessore comunale all’Istruzione -. Secondo il documento ministeriale è inadempiente chi ‘non ha presentato formale richiesta di vaccinazione’, la Regione Piemonte sostiene invece che la presentazione di copia della formale richiesta non può essere considerata valida.

Chiedo che venga data alle famiglie un’ulteriore possibilità di appuntamento che permetta loro di chiedere maggiori chiarimenti e quindi – come da circolare ministeriale – di non trovarsi in una condizione di inadempienza”.

Disclaimer
Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione

Torna su